Skip to content

FERIEHUS-BORNHOLM.INFO

Feriehus-bornholm.info

Scarico canna fumaria caldaia a condensazione


  1. Installare una caldaia a condensazione: tre questioni iniziali
  2. Dimensionamento canna fumaria caldaia a condensazione
  3. Nuova caldaia a condensazione e assenza di canna fumaria adeguata condominiale

Canna fumaria qual è la normativa per lo scarico a parete o tetto della caldaia a condensazione, pellet, cottura, legno in esterno o. Scarico a tetto o a parete. Determinante è inoltre la Legge 90/, e l'Art. bis “Requisiti degli impianti termici”, che afferma: “. Normativa vigente nel (legge 90/ e Dlgs / agg. legge /​) su canne fumarie e scarichi a parete, caldaie a condensazione e tradizionali. Vi sono alcuni accorgimenti legati alla canna fumaria e ai canali di scarico che possono rendere più adatte alcune posizioni e meno altre, ma se. Lo scarico a parete con caldaia a condensazione è possibile, nel collegati ad appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei.

Nome: scarico canna fumaria caldaia a condensazione
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 38.23 MB

Scarico canna fumaria caldaia a condensazione

L'amministratore ci obbliga a sostituire la caldaia con una nuova di uguale tipo ma noi vorremmo metterne una a condensazione. Possiamo far installare la caldaia a condensazione nella canna fumaria esistente? La normativa impone di installare caldaie a condensazione e deroga lo scarico a parete qualora la sua canna fumaria non sia idonea ai fumi umidi.

Naturalmente bisogna fare un esame approfondito in loco e verificare che le distanze minime da balconi e finestre vengano rispettate. È regolare? È a norma? Mia vicina in reparto caldaia messo caldaia condensazione con tubo scarico che esce da caldaia..

E a norma o deve fare uno scarico fino tetto grazie. Per cui a tetto dove vi è la possibilità. Anticipatamente ringrazio.

La caldaia a condensazione necessita di condotti di scarico: il vapore acqueo durante la condensazione si trasforma in acqua.

Tipi di caldaia a condensazione: scegliere quello più adatto Esistono diversi tipi di caldaia a condensazione, ognuno di questi tipi condiziona dove installare la caldaia a condensazione. La caldaia murale a condensazione pone delle limitazioni sulla capienza del bollitore. Vanno comunque considerate dimensioni e peso della caldaia a condensazione murale prima del montaggio a muro: ad esempio per famiglie numerose che vivano in ambienti piccoli, potrebbe servire una caldaia murale di grandi dimensioni, e bisogna verificare che i muri divisori siano in grado di supportare il peso.

La caldaia a condensazione a basamento non è appesa a muro ma appoggiata su una base a terra. Hanno dimensioni normalmente più ridotte.

Installare una caldaia a condensazione: tre questioni iniziali

Hanno dimensioni più ampie, sono adatte a situazioni di consumo più intenso, e quindi si trovano più spesso in abitazioni di più grandi dimensioni. Se poi si sceglie una soluzione a rate per la caldaia a condensazione, come quella che trovate qui, il suo impatto diventa quasi nullo.

Casi in cui è possibile lo scarico a parete 1 — nei centri storici, dove non possono essere costruiti altri camini 2 — in tutti i casi in cui non sia oggettivamente possibile costruire canne fumarie a tetto.

I condotti di scarico La caldaia a condensazione richiede lo smaltimento delle acque di condensazione. Sono realizzate in materiali idonei come il polipropilene, e hanno misure e dimensioni assolutamente gestibili negli ambienti domestici, esattamente come per i condizionatori.

Esistono al riguardo due tipi di caldaie: quelle a "camera aperta" e quella a"camera stagna". Quando si parla di "camera" ci si riferisce alla camera di combustione, e cioè al vano in cui avviene una parte della miscelazione tra l'aria e il gas combustibile e quindi alla fiamma generata. Le caldaie a camera aperta sono caratterizzate dal fatto di recuperare l'aria in questione direttamente dall'ambiente in cui sono collocate, attraverso un tiraggio naturale che utilizza apposite aperture sulla caldaia.

Questa soluzione, benché costruttivamente più semplice, ha il grande svantaggio di bruciare l'aria presente nell'ambiente, diventando quindi pericolosa in caso di ambienti abitati e poco aerati. Per questo richiede ambienti particolarmente aerati con grosse aperture per il ricambio dell'aria.

Inoltre necessita in ogni caso di un tubo di scarico verso l'esterno per evacuare i fumi di combustione. La normativa che ne regola l'installazione è particolarmente severa e da spesso adito a notevoli difficoltà.

Dimensionamento canna fumaria caldaia a condensazione

Per questo motivo questo tipo di caldaie sono quasi sempre installate all'esterno delle abitazioni, ad esempio su balconi, luoghi in cui il ricambio dell'aria non presenta problemi.

Al contrario le caldaie a camera stagna, recuperano l'aria di combustione attraverso un tiraggio forzato, che fa uso di ventole elettriche o dispositivi equivalenti, e che forza l'aria attraverso un apposita condotta che si apre sull'esterno. Tali caldaie in questo modo evitano di utilizzare per la combustione l'aria dell'ambiente, e non presentano quindi alcun problema ad essere impiegate anche in ambienti piccoli, abitati e poco aerati.

Anche tali caldaie espellono all'esterno i fumi di combustione, attraverso un apposita condotta che in genere utilizza lo stesso passaggio del tubo che recupera l'aria esterna. E' importante avere presente che tutte le caldaie a condensazione sono caldaie a camera stagna. Non hanno quindi "controindicazioni" per essere impiegate in qualsiasi tipo di ambiente in cui è possibile fa arrivare una condotta per il passaggio dei due tubi di approvvigionamento aria, e di scarico dei fumi.

Si consideri anche il fatto che una caldaia tradizionale a camera aperta, installata all'interno, richiede in ogni caso un passaggio per il tubo di scarico e che una caldaia a condensazione utilizza per il tubo di recupero dell'aria lo stesso passaggio, non richiedendo quindi, per questa particolare funzione, un lavoro di installazione ulteriore.

Installazione esterna e installazione interna Non di rado, quando vi è la possibilità, si preferisce installare una caldaia all'esterno degli ambienti abitati. I motivi possono essere diversi ma quello più comune è la necessità di risparmiare spazio.

Nuova caldaia a condensazione e assenza di canna fumaria adeguata condominiale

Una caldaia, per quanto miniaturizzata sia, occupa infatti sempre dello spazio che viene sottratto ad altri possibili usi. In altri casi, intervengono invece dei motivi diversi, quali ad esempio la necessità di utilizzare un impianto già esistente, che era stato appunto progettato per l'uso di una caldaia situata all'esterno. Al riguardo, sia per le caldaie a condensazione che per quelle tradizionali, è molto importante avere presente che l'installazione di una caldaia all'esterno, implica l'utilizzo di una caldaia appositamente costruita per operare in condizioni ambientali "esterne".

Tali condizioni vedono infatti la presenza di agenti ambientali che aggrediscono le varie parti della caldaia in maniera molto più drastica di quanto non avviene in un ambiente chiuso. Per questo motivo le caldaie per esterni sono progettate per resistere ad agenti quali polvere e sabbia, acqua e vento e gelo, attraverso l'utilizzo di un mantello privo di fessure, che le riveste rendendole immuni alla ruggine e impedisce che l'interno venga raggiunto dalla polvere, dal vento e dal gelo.